Home > Attività sul territorio > Didattica > Incontro sul tema "Il potere delle dame a Villa Pamphilj dal...
16/04/2018

Incontro sul tema "Il potere delle dame a Villa Pamphilj dal Seicento all'Ottocento: le verità nascoste"

Incontro sul tema "Il potere delle dame a Villa Pamphilj dal Seicento all'Ottocento: le verità nascoste"
Tipologia: Iniziativa didattica

Luogo: Biblioteca Villino Corsini - Largo 3 Giugno 1849, angolo via di San Pancrazio

A cura di Carla Benocci

Hashtag: #educaroma

La storia della famiglia Pamphilj e della villa a S. Pancrazio è indiscutibilmente legata alla celebre Olimpia Maidalchini, cognata del papa Innocenzo X, che contribuisce in modo determinante all’ascesa economica e politica del casato (con la villa protagonista) e alla strategia politica pontificia, pur suscitando vivaci polemiche, solo in tempi recenti sottoposte ad un’analisi storica adeguata, che assegnano alla “Pimpaccia” il ruolo di donna moderna. Non di meno è la nuora, Olimpia Aldobrandini, ricchissima, colta e attenta amministratrice dei suoi beni, nonostante i suoi due prestigiosi matrimoni Borghese e Pamphilj; l’educazione delle tre figlie è improntata alla stessa prospettiva: nessuna delle tre è obbligata a monacarsi, secondo la tradizione, e concorrono tutte alla scelta dei rispettivi mariti (tra cui il giovane Doria); è con loro che si avvia la moda delle “belle”, dame ritratte da J.F. Voet per celebrare il loro prestigioso ruolo privato e pubblico. Le dame di casa Pamphilj continuano ad operare attivamente per la casata nel Settecento, con Leopolda Maria di Savoia Carignano, che costringe il marito principe Giovanni Andrea Doria Pamphilj Landi a modificare sostanzialmente i giardini intorno al canale del lago, appena rinnovati da Giovanni Antinori, in veri e propri giardini paesistici, secondo la moda prevalente in Europa. Nell’Ottocento lady Mary Talbot Doria Pamphilj, continua la brillante tradizione giardiniera, insieme alle attività di beneficienza, con un perfetto inserimento nella cultura europea.

Carla Benocci, laureata nel 1978 con Giulio Carlo Argan e specializzata in Storia dell’Arte Medievale e Moderna presso l’Università di Roma La Sapienza nel 1981, ha conseguito diversi diplomi post lauream nel settore storico-artistico, archivistico, di conservazione, restauro, didattica, gestione e valorizzazione dei beni culturali. Ha operato dal 1980 nella Sovrintendenza dei Beni Culturali del Comune di Roma, dove ha svolto un’attività di studio, tutela e gestione nel settore delle ville storiche; dal 1998 al 2017 è stata responsabile del Museo della Villa Doria Pamphilj a Roma. Partecipa a mostre e convegni internazionali su temi di architettura, urbanistica, storia dell’arte, storia dei giardini e collezionismo artistico, su invito delle Università italiane e straniere e di diverse istituzioni. Ha pubblicato una vastissima serie di libri e saggi sulle stesse tematiche ed in particolare sulle ville romane. Insegna storia e critica dei giardini presso Quasar Design University. E’ membro del Comitato Scientifico della Reggia di Caserta, del Gruppo dei Romanisti, dell’Associazione Storia della Città, di Italia Nostra e dell’ICOMOS; è ispettore archivistico onorario dal 2013.

Informazioni

Orario

Lunedì 16 aprile 2018
ore 16.00
Durata: circa 90 minuti

Le date degli appuntamenti potrebbero subire variazioni che saranno indicate sulle pagine web della Sovrintendenza e del Sistema Musei Civici e comunicate tramite e-mail.

Biglietto iniziativa

Incontri gratuiti con prenotazione obbligatoria.
Per prenotare telefonare al numero 060608 (tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00)
Numero di persone limitato a seconda dell'incontro.

È previsto il rilascio dell’attestato di formazione.

CREDITI FORMATIVI SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA
La partecipazione a cinque incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di: Studi storico-artistici (triennale); Storia dell’arte (magistrale); Storia, Antropologia, Religioni (triennale); Scienze storiche (Età moderna-Età contemporanea / magistrale), al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE
La partecipazione a sei incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di: Scienze dell’Architettura (triennale); Architettura-Progettazione architettonica (magistrale); Architettura-Progettazione urbana (magistrale); Architettura- Restauro (magistrale), al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

ACCADEMIA DI BELLE ARTI
La partecipazione ad otto incontri, attestata, dà diritto agli studenti al riconoscimento di due crediti formativi.

Informazioni e prenotazioni

Tel. 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 19.00

Prenotazione obbligatoria: max 50 persone

Organizzazione

Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali

Progetto a cura di Nicoletta Cardano

Il ciclo I luoghi della scienza a Roma. Collezioni e musei è ideato e curato da Federica Favino, Dipartimento di Storia, Culture, Religioni - Sapienza Università di Roma.
Il ciclo La città delle donne: fonti e narrazioni è ideato e curato dalla Società Italiana delle Storiche.
Collaborano alla realizzazione del programma i Volontari del Servizio Civile Nazionale, progetto della Sovrintendenza Capitolina “Educhiamo Insieme”.
Si ringrazia la Fondazione Primoli.

Attività correlate